Accedi
Registrati con Facebook
Registrati

Registrati con Facebook

vitamina-D-alimentazioneVITAMINA D: RUOLO NELLE MALATTIE AUTOIMMUNI

Numerose evidenze attestano l'efficacia della vitamina D nel trattamento e nella regressione delle malattie autoimmuni. In questi ultimi anni la comunità scientifica ha cercato di spiegare il ruolo della vitamina D nella regolazione del sistema immunitario. La vitamina D è nota anche come la vitamina del sole, perché grazie al sole il nostro corpo è in grado di produrla in grande quantità e utilizzarla in modo efficace.

Anche se gli effetti classici conosciuti di tale sostanza riguardano principalmente la salute delle nostre ossa, mantenendo i normali livelli di calcio e fosforo e favorendo la formazione ossea, recentemente la ricerca ha evidenziato che la vitamina D è in grado di svolgere numerose altre funzioni, come ad esempio regolare l'attività immunitaria, prevenire le malattie cardiovascolari, regolare la crescita cellulare, compresa quella tumorale, e molte altre ancora.

Anche se le fonti di approvvigionamento sono l'esposizione solare e l'alimentazione, la possibilità di incorrere in un deficit è molto frequente e i soggetti a maggior rischio sono coloro che trascorrono più tempo al chiuso come anziani e bambini. Esponendo al sole braccia e gambe per circa 20-30 minuti, soprattutto nei mesi più caldi, è possibile produrre alte quantità di vitamina (10.000 UI) importanti per il normale funzionamento del nostro organismo.

UN ORMONE NON UNA VITAMINA

La vitamina D o meglio le vitamine D sono un gruppo di sostanze liposolubili costituito da 5 diverse vitamine. Le forme più importanti per il nostro organismo sono la vitamina D2 (ergocalciferolo) presente nel mondo vegetale e la vitamina D3 (colecalciferolo) presente solo negli organismi animali; entrambe svolgono attività biologiche molto simili, ma sono biologicamente non attive, possono essere assunte con la dieta ma la quota più preponderante deriva dalla conversione del 7-deidrocolesterolo (o provitamina D) presente a livello cutaneo dopo esposizione ai raggi ultravioletti (UVB).

L'azione della vitamina D è da attribuire al suo metabolita attivo ossia l'1,25-diidrossicolecalciferolo [1,25(OH)2D3] o calcitriolo, che si forma a seguito di processi enzimatici (idrossilasi) che hanno luogo il primo a livello epatico, il secondo a livello renale.

La sua produzione è strettamente legata ai livelli plasmatici di paratormone (PTH), calcio e fosforo.

L'azione della vitamina D è di cosi ampia portata che deve essere identificata come un vero e proprio ormone in quanto coinvolta sia direttamente che indirettamente nella funzione di almeno 2776 geni, cioè circa il 10% del genoma umano.

La vitamina D attiva si lega ad uno specifico recettore cellulare (VDR) e attraverso questo esplica la sua azione. Questo recettore membro della superfamiglia dei recettori steroidei non si trova localizzato solo nei siti normalmente conosciuti quali il tessuto osseo e muscolare, ma anche in numerosi tessuti extra-scheletrici come il colon, la prostata, la mammella, il pancreas, la placenta e la cute. In questi tessuti le cellule possiedono il corredo enzimatico in grado di produrre l'ormone attivo in loco; questa vitamina D non partecipa alla regolazione del metabolismo del calcio, ma sembra agire nei meccanismi di regolazione della crescita cellulare, compresa quella tumorale (prostata, mammella, colon), nella regolazione del sistema immunitario (psoriasi), nelle malattie cardiovascolari e nel diabete.

VITAMINA D E MALATTIE AUTOIMMUNI

Numerosi studi osservazionali hanno evidenziato un rapporto tra deficit di vitamina D e malattie autoimmuni come il diabete mellito tipo 1, la sclerosi multipla, l'artrite reumatoide, la psoriasi, il lupus eritematoso sistemico. E' stato dimostrato che la vitamina D e i suoi analoghi possono prevenire lo sviluppo di malattie autoimmuni. In diversi modelli animali la supplementazione di vitamina D è risultata essere efficace, come nell'encefalomielite allergica, nell'artrite collagene-indotta, nel diabete tipo 1, nella tiroidite di hashimoto, nella malattia infiammatoria intestinale e nel LES (lupus eritematoso sistemico).

Tra le malattie autoimmuni la sclerosi multipla è quella più debilitante. Caratteristica della malattia è la comparsa di lesioni a carico del sistema nervoso centrale con perdita di mielina in più aree dello stesso. La demielinizzazione causa l'incapacità di trasmettere l'impulso dal sistema nervoso ai muscoli. I sintomi della malattia possono essere quindi diversi a seconda della localizzazione della lesione sclerotica e in uno stesso individuo si possono ripetere in maniera più frequente. Tra i più ricorrenti si hanno: disturbi visi, disturbi della sensibilità, fatica e debolezza. Alcuni studi oltre ad aver dimostrato l'associazione tra carenza di vitamina D e sclerosi multipla, hanno evidenziato come la somministrazione di alte dosi giornaliere di vitamina D preveniva lo sviluppo della malattia e una riduzione della percentuale di recidive.

Un lavoro di recente pubblicazione (caso report) su un paziente affetto da Miastenia gravis, altissime dosi di vitamina (80.000-120.000 UI al giorno) ha bloccato il decorso della malattia fino alla completa remissione.

Il dr Coimbra ricercatore brasiliano da alcuni anni utilizza alti dosaggi di vitamina D per trattare pazienti con sclerosi multipla, malattia di chron, vitiligine e psoriasi. In un suo lavoro pubblicato nel 2013 la somministrazione di 35.000 UI di vitamina D su pazienti affetti da psoriasi e vitiligine ha riscontrato un netto miglioramento del quadro clinico e sintomatologico.

In conclusione numerose sono le evidenze cliniche e sperimentali che dimostrano una associazione tra carenza di vitamina D e prevalenza delle malattie autoimmuni. E' stato altresì evidenziato che la supplementazione di vitamina D gioca un ruolo nella prevenzione e nella riduzione delle malattie autoimmuni. Sulla base di questi riscontri mantenere livelli alti di vitamina D oltre i 30 ng/ml, in pazienti con malattie autoimmuni è altamente raccomandato. Tuttavia altri studi sono necessari per definire meglio la relazione tra sistema immune e vitamina D.

PROTOCOLLO VITAMINA D ALTE DOSI

Dott. Massimo Vincenti

Via Configliachi 41 D, Abano Terme

Tel. 335.83.35.256

BIBLIOGRAFIA

S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, A. Scillitani, A. Giusti, M. Rossini, D. Gatti, R. Nuti, S. Minisola "Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo" Reumatismo, 2011; 63 (3): 129-14

Antico A, Tampoia M, Renato T,: Il ruolo della vitamina D nelle malattie autoimmuni. LigandAssay 2010:15:4.

Munger KL e coll: Vitamin D intake and incidence of multiple sclerosis. Neurology 2004, 62:60-5

Goldeberg P Fleming MC, Picard EH: Multiple sclerosis: decreased relapse rate trough dietary supplementation with calcium, magnesium and vitamin D. Med Hypotheses 1986;21:192-200

Flávio Adsuara Cadegiani: Remission of Severe Myasthenia Gravis After Massive-Dose Vitamin D Treatment. Am J Case Rep, 2016; 17: 51-54

Danilo C. Finamor, Rita Sinigaglia-Coimbra, Luiz C.M. Neves, Marcia Gutierrez, Jeferson J. Silva, Lucas D. Torres, Fernanda Surano, Domingos J. Neto, Neil F. Novo, Yara Juliano, Antonio C. Lopes and Cicero Galli Coimbra: A pilot study assessing the effect of prolonged administration of high daily doses of vitamin D on the clinical course of vitiligo and psoriasis. Dermato-Endocrinology 2013,5:1, 222-234;