Accedi
Registrati con Facebook
Registrati

Registrati con Facebook

Se le donne in gravidanza assumessero una quantità adeguata di acido folico giornaliero, i bambini nati avrebbero un minor rischio di essere in sovrappeso, questa acido folico2condizone sarebbe valida in modo particolare in madri giovani.

Lo studio di cui vi rendiamo conto,  è stato condotto presso la Johns Hopkins University in cui sono state studiate più di 1500 madri ed i loro figli. Lo studio ha dimostrato come madri con bassi livelli di acido folico nel sangue abbiano succesivamente avuto prole particolaralmente in sovrappeso.

Al contrario in  madri con una buona concentrazione di acido folico è stata riscontrata una prole con il 43% in meno di rischio sovrappeso.

Va ricordato come da anni i medici raccomandino l'assunzione di acido folico per prevenire problemi al sistema nervoso dei futuri nascituri, questo studio dimostra come ora vi sia un motivo in più.

L'acido folico  non viene  prodotto dal nostro organismo ma deve essere assunto attraverso una dieta alimentare ricca ed equilibrata che riesca a fornire il fabisogno quotidiano che in genere si attesta intorno ad i 0,2 mg.

Spinaci, insalta, broccoli sono da prediligere, ma anche fegato, legumi ed alcuni tipi di frutta, lievito, latte cereali. Sarebbe

acido folico1

buona norma assumere frutta e verdure fresche in quanto la cottura dei cibi ne distrugge circa il 90%.

Nello specifico, il fabisogno in gravidanza aumenta a 0,4 mg giornalieri.