Accedi
Registrati con Facebook
Registrati

Registrati con Facebook

l'allergia al nichel è collegata spesso all'uso dei gioielli, in quanto in loro è presente in modo massiccio questo materialeAllergia al Nichel.

Il Nichel, elemento chimico Ni, numero atomico 28, peso atomico 58,71, è un metallo bianco, duttile, malleabile e resistente alla corrosione, comprende lo 0,01 % della crosta terrestre ed è presente in tracce negli organismi viventi.

Una prima distinzione và fatta tra sensibilizzazione al nichel ed allergia , la prima può scaturire quando si lavora questo materiale, il quale è contenuto particolarmente nelle batterie alcaline, ceramiche, materiale elettrico, additivi per carburanti, insetticidi ecc.

Per sensibilizzazione intendiamo il processo attraverso il quale un organismo vivente è capace di reagire prontamente al contatto con un antigene, ovvero consiste nella prima esperienza del sistema immunitario nei confronti di una sostanza esterna.

La sensibilizzazione costituisce il fondamento delle reazioni allergiche.

Per quanto concerne l'allergia vera e propria, dal punto di vista clinico si manifesta con i sintomi tipici, eruzioni cutanee, spasmo bronchiale, congiuntivite, asma , rinite ecc; il grado di gravità della reazione dipende da molti fattori, come ad esempio la quantità di allergene con cui l'organismo viene a contatto.

La diffusione del Nichel è molto elevata, ed è molto difficile evitarne il contatto, in quanto è presente in molti oggetti di uso comune, come nell'abbigliamento, oggetti di bigiotteria, chiavi, accendini, occhiali, monete, aghi, forbici ecc.

Gli oggetti in questione dovrebbero tutti essere sostituiti, con plastica o velcro, o metalli nobili oppure acciaio inox.

Inoltre il nichel è presente in molti oggetti medico-chirurgico, come ad esempio protesi e varie tipologie di aghi.

La prevenzione verso l'assunzione di Nichel viene fatta anche evitando cibi in scatola e cucinando cibi in pentole smaltate, teflon o alluminio.

La sintomatologia si accentua soprattutto nella stagione estiva e nei climi caldi, questo a seguito di un aumentata sudorazione che permette una maggiore diffusione dell'elemento.