Accedi
Registrati con Facebook
Registrati

Registrati con Facebook

neonato durante la vaccinazioneIl tema delle vaccinazioni in Italia dopo la nascita è ancora un tema in cui si percepisce da parte degli utenti ancora molta confusione.
Attraverso questo articolo cercheremo di informare ma tenendo sempre come il medico pediatra e gli uffici preposti sono punti di riferimento fondamentali per meglio orientarsi e dissolvere qualsiasi dubbio.

Una prima grande distinzione deve essere fatta sui tipi di vaccini ed i metodi con cui essi vengono inoculati ( spesso termini come tetravalente, esavalente ecc fanno pensare a vaccini specifici, in realtà con tale definizione non si fa altro che indicare quante tipologie di vaccini vengono uniti in un unica somministrazione).

-Tipologie di vaccini:
In Italia sono previste vaccinazioni obbligatorie per tutti i nuovi nati, regolati dal DM del 7 Aprile 1999 che comprendono le vaccinazioni di; tetano, difterite, poliomielite, epatite virale B e vaccinazioni raccomandate regolate da specifiche norme regionali che ne specificano le applicazioni e comprendono le vaccinazioni per pertosse, morbillo, rosolia, parotite, Haemophilus influenzae tipo b (Hib), papillomavirus (HPV) (sesso femminile tra 12 e 25 anni), antipneumococcica, meningococco,epatite A esistono diversi vaccini per il meningococco i quali sono efficaci per la prevenzione in Europa ne esistono  solo contro i gruppi dei ceppi A e C, in Italia viene eseguito quello contro il sierotipo B, il più comune.

Per quanto concerne la somministrazione una distinzione viene fatta tra:

- Vaccini assocciati, quando durante la seduta vengono somministrati più vaccini in sedi diverse ( i vaccini non vengono uniti nella stessa siringa).

- Vaccini combinati, quando i vaccini vengono combinati insieme in unica soluzione.

Diversi studi scientifici dimostrano come la somministrazione in forma associata o combinata oltre a garantire la vaccinazione in tempi giusti produca effetti collaterali simili a quelli dovuti ad una somministrazione in tempi separati.

 schema vaccinale con nome vaccino e periodo neonato- Schema vaccinale in cui sono riportati i tipi di vaccini e l'età in cui dovrebbero essere somministrati

Legenda Vaccinazione:

-DTaP:    antidifterico/tetanico/pertossica

-Tdap:    difto-tetanico/pertossico acellulare per adulti

-IPV:      antipoliomielitico iniettabile / inattivato

-HB:        antiepatite B

-Hib:       contro le infezioni invasive da Haemophilus influenzae b

-MPR:      antimorbillo/parotite/rosolia

-PCV:      pneumococcico coniugato eptavalente

-Men C:   meningococcico C coniugato

Varicell:   varicella

Relativamente alla metodica e quindi alla somministrazione di vaccini associati o combinati, viene stabilita da specifiche norme regionali, nella maggioranza dei casi simili per tutte le regioni d'Italia.

Di seguito riporteremo come esempio il calendario vaccinale  della regione Abruzzo in cui sono specificate le metodiche, i tempi, ed i tipi di vaccini inoculati.

calendario vaccinale regione abruzzo metodi, tipi e tempi di vaccinazione