Accedi
Registrati con Facebook
Registrati

Registrati con Facebook

incidente-stradale-malore-soccorsoIn un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusino traumi o malori si può essere coinvolti in situazioni che prevedono un immediato e corretto intervento, situazioni nelle quali una minima conoscenza di norme e comportamento sia fondamentale  in attesa dei soccorsi qualificati.

Nel caso più comune e banale come quello di incidente automobilistico causato dal conducente, lo stesso ha l’obbligo di fermarsi e  prestare assistenza a coloro che eventualmente abbiano subito danno; oltre che dal buon senso tale comportamento è stabilito dal codice della strada, all’articolo 189.

Viene ricordato come ogni altra persona che transita sul luogo dell’incidente, pur non avendo l’obbligo di fermarsi e prestare soccorso ai sensi del succitato articolo, è  soggetto a prestare soccorso ai feriti per non incorrere nell’omissione di soccorso prevista dall’articolo 593. Se tale omissione fosse compiuta  la sanzione è riferibile ad una multa fino a 2.500 euro, in caso di morte di qualcuno, coinvolto la pena viene  raddoppiata.
A fronte degli obblighi previsti dai due articoli citati è da tener presente che se non si è personale sanitario, la finalità del primo soccorso è mantenere nelle migliori condizioni possibili la persona coinvolta evitando il peggioramento delle lesioni e il mantenimento o il ripristino delle funzioni vitali in caso di una loro compromissione, limitandosi a quello che si è in grado di fare, in attesa di  soccorsi esperti.
E’ bene ricordare come sia fondamentale compiere un’assistenza minima ma efficace  piuttosto che improvvisare operazioni che non si è in grado di fare con il rischio di peggiorare la situazione.
E’ importante non farsi prendere da ansie o paure ,ma rimanere calmi e concentrati su quello che si può fare.
Ma come dobbiamo agire ?

Ci sono tre regole fondamentali da applicare in questi casi,che possono essere sintetizzate con proteggi, avverti, soccorri.
La protezione ovvero  dobbiamo verificare di essere in sicurezza noi stessi, tenendo presente che un soccorritore ferito non serve a nulla. Proteggere significa auto-protezione,ma anche protezione delle persone coinvolte nell’incidente,chiunque si trovi in stato di incoscienza risulta indifeso nei confronti del mondo esterno.
Avvertire ,  sarà molto importante segnalare in maniera corretta e precisa mantenendo la calma, indicando; cosa sia accaduto, dove è accaduto,quando è accaduto, il numero delle persone coinvolte e la gravità delle loro condizioni.
Inoltre dovremmo tener presente  che chi ci risponde è una persona esperta e preparata per cui dobbiamo seguire le sue indicazioni e rispondere alla sue domande nella maniera più precisa possibile.
Il numero di telefono da digitare è 118 ( a breve il 112 sarà numero unico per le emergenze).
Soccorri ,in attesa del loro arrivo si può procedere, se c’è la necessità e se si è in grado di farlo, all’eventuale assistenza dei feriti (nelle modalità descritte precedentemente).

In caso vi siano più feriti bisogna dare la precedenza a quelli più gravi.