Accedi
Registrati con Facebook
Registrati

Registrati con Facebook

frutti_di_bosco

Cibi anti-infarto

Nei paesi occidentali l'infarto rimane la prima causa di morte, tra i fattori più determinanti per tale patologia, quello del colesterolo rimane tra i più sensibili da monitorare. Il livello di colesterolo elevato infatti ci indica l'aumento del rischio di comparsa di grosse placche che potrebbero depositarsi sulle pareti dell'arterie, che oltre ad impedire il corretto flusso, ne impedirebbe quella che è la caratteristica principale delle arterie, l'elasticità. I fattori di rischio aumentano quando questo valore raggiunge e supera i 200 mg/dl ed è in questo caso che occorre interpellare il proprio medico per intervenire. Una giusta alimentazione associata ad una giusta attività fisica, intendendo per quest'ultima anche delle lunghe passeggiate, riducono in tempi considerevoli il livello del colesterolo, questo nella maggior parte di casi di ipercolosterolemia. E' bene ricordare come il colesterolo sia presente negli alimenti di origine animale e come il livello dello stesso sia influenzato dal tipo di grassi che vengono inseriti attraverso la dieta, ovvero quelli saturi di origine animale ne aumentano il livello, quelli insaturi di origine vegetale ne abbassano il livello. Una buona dieta che mira a diminuire il livello del colesterolo deve essere basata su frutta e verdura che a loro volta contengono molti antiossidanti utili per l'apparato cardiocircolatorio. Ricordiamo brevemente alcuni cibi che contengono specifiche proprietta atte a combattere l'ipercolesterolemia; olio di riso che contiene l'orizanolo, noci, uva nera, ed ancora frutti di bosco, pesce, preferibilmente alla griglia o al forno, tutti questi alimenti contengono proprietà organolettiche specifiche che incidono positivamente sul livello del colesterolo e sulla pervietà del sistema cardiocircolatorio.