Accedi
Registrati con Facebook
Registrati

Registrati con Facebook

Esiste una frequenza ottimale dei rapporti sessuali benefica per la coppia? Sotto quale soglia non bisognerebbe giungere per non entrare in crisi?

Quantità contro qualità. Tre volte in una settimana. L’uomo ha più desiderio, addirittura bisogno, di sessualità della donna. La donna ne farebbe volentieri a meno quando è stanca, madre, abitante di una coppia longeva. L’uomo ignorato sessualmente si sente autorizzato a tradire e a cercare conferme per la propria autostima tra altre lenzuola. La donna sessualmente trascurata, invece, si percepisce immediatamente brutta, sfiorita, depressa.

Ma davvero gli uomini hanno più bisogno di sesso delle donne? Un altro mito da sfatare

valeria randone*

Queste affermazioni, unitamente a tante altre, rappresentano gli stereotipi di genere che affannosamente cercano di raccontare la vita sessuale degli italiani.

L'intimità è un territorio difficile da coltivare e anche da abitare, soprattutto a lungo e con una buona qualità emozionale e sessuale, così può capitare che la sessualità diventi anemica e “poco frequentata”.

Facciamo un po’ di chiarezza
Una vita sessuale stabilmente presente nella vita della coppia ricopre un ruolo determinante per la stabilità della coppia stessa. Fa bene al corpo e al cuore.

La sua assenza denuncia senza dubbio un disagio. Del singolo e della coppia, da investigare coppia per coppia, senza vaghe e inutili generalizzazioni.

La frequenza dei rapporti sessuali, per l’uomo, ha un’azione protettiva contro il tumore della prostata, mentre protegge entrambi i partner dalla deflessione del tono dell’umore. Tra i miracoli da buona intimità, la frequenza dei rapporti sessuali - sempre correlata con una buona qualità - tiene a bada il rischio tradimenti.

Fingere il piacere: pudore, educazione o disagio? La soluzione c’è: parlarne

valeria randone*

Scalda l’intimità e concima la qualità della vita sentimentale-relazionale con elementi sensoriali e intimi, il cui beneficio agisce come un farmaco a lento rilascio: a lungo e sempre.

Quando parliamo di sessualità, sana e meno sana, frequente o latitante, siamo obbligati ad analizzare tre istanze, tutte interconnesse tra di loro. Corpo, psiche e coppia.

L’inscindibilità tra mente, corpo e coppia va considerata come un'unica unità somato-psichica.

Dinamiche di coppia e longevità della vita sessuale
Quando una coppia diventa coppia viene rapita dalla magia dell’incontro. Dalla passione travolgente e dall’affascinante cammino verso il mondo dell’altro, lastricato di mistero e cardiopalmo, di sorprese e labbra nelle labbra, di parole che abbracciano e di occhi che corteggiano.

La sessualità femminile dopo malattie o interventi: i consigli per continuare ad amarsi

valeria randone*

Il coinvolgimento che ne deriva scalda i sensi, e i sensi scaldano l’amore. La vera complessità della vita sessuale, invece, è la sua longevità “dentro” la coppia.

Abitare sin da subito i sogni erotici del partner non è complesso, diventa difficoltoso continuare a farne parte a lungo tempo. Questa è la vera sfida per la coppia che ha voglia di difendere la propria intimità erotica e prolungarla nel tempo.

Quando i rapporti sessuali diventano tiepidi, obbligati e obbligatori, nonché sporadici, la coppia dovrebbe iniziare a porsi più d’una domanda. Un rapporto sessuale al giorno o al mese è attuabile soltanto se ci sono le condizioni affinché questo avvenga.

L’erotismo interrotto dal telefono che squilla: come fare a recuperare il momento di passione

valeria randone*

Le condizioni sono biologiche, fisiologiche, ma indubbiamente psicologiche e relazionali. Il tutto strettamente connesso alle ansie e paure, ai meccanismi di difesa della psiche di entrambi i protagonisti della coppia.

L’incontro tra due individui non è sempre lineare e semplice, ma è il frutto di tanti tasselli come le loro rispettive fantasie e fragilità, due inconsci e due apprendimenti sessuali, e tanto altro.

Questi elementi rappresentano il bagaglio esperenziale che i partner portano dentro la loro coppia, con il quale dovranno confrontarsi tutti i giorni della loro vita insieme.

Il piacere sessuale è sicuramente spia di un benessere globale che avvolge il singolo e la sua la coppia, la sua assenza denuncia possibili problematiche psico-fisiche e relazionali; talvolta ignorate e trascurate, spesso negate.

Che succede quando un figlio non arriva e la “colpa” è di lui e non di lei

valeria randone

Il desiderio sessuale, il motore di ogni iniziativa sessuale, si nutre di più ingredienti: dall’amore alla cura, dal gioco alla trasgressione. Tutti assolutamente indispensabili. Quando la sessualità diventa insipida e monocorde perde di fascinazione, con una ricaduta a cascata sulla quantità dei rapporti sessuali.

Molte coppie lamentano astenia sessuale, noia, scarsa empatia con una conseguente drastica deflessione del desiderio sessuale, ma non fanno nulla per arrestare questa pericolosissima slavina relazionale.

Eros e odori. Quando l’amore è acceso, oppure bloccato dalle sensazioni olfattive

VALERIA RANDONE

Il giardino dell'eros che non viene coltivato sfiorisce rapidamente. L’antidoto alla noia

La coppia, spesso, non si sa bene per quale motivo, a un certo punto del loro cammino coniugale si smarrisce e smette di desiderarsi. Il desiderio deraglia, si arresta, abbraccia altri talami, diventa solitario e consolatorio, viene sostituito dall’iper lavoro, dal cibo, dai figli.

Il territorio del mancato incontro tra anima, corpo e coppia genera il drammatico silenzio dei sensi, che sfocia in un pensionamento anticipato del desiderio sessuale. Tutto questo può essere senza dubbio arginato e arrestato, ma prima va assolutamente riconosciuto. Prima che sia troppo tardi.

"Il corteggiamento è il profumo dell'amore, la gelosia aiuta a recintare il rapporto di coppia"

La prima tappa è porre una scrupolosa diagnosi clinica. Stabilire se si tratta di una problematica organica di uno dei due partner o di entrambi, di un disagio psichico o relazionale; se la deflessione della quantità correla con una scadente qualità, se sono presenti pregresse disfunzioni sessuali in uno dei due o in entrambi i partner che hanno lavorato in sordina; se trattasi di noia, di mancanza di cura del legame d’amore; se sono presenti degli amanti.

Fatto ciò si stabilirà come poterli aiutare davvero. Quando la coppia, invece, sopravvive all'usura del tempo e del quotidiano, quando inventa e si reinventa, la sessualità si veste di magia. Diventa un luogo indistinto di anima e sensi, in cui l'emozione si fonde con la trasgressione.

*Valeria Randone è psicologo e sessuologo clinico a Catania e Roma www.valeriarandone.it

Esiste una frequenza ottimale dei rapporti sessuali benefica per la coppia? Sotto quale soglia non bisognerebbe giungere per non entrare in crisi?

Quantità contro qualità. Tre volte in una settimana. L’uomo ha più desiderio, addirittura bisogno, di sessualità della donna. La donna ne farebbe volentieri a meno quando è stanca, madre, abitante di una coppia longeva. L’uomo ignorato sessualmente si sente autorizzato a tradire e a cercare conferme per la propria autostima tra altre lenzuola. La donna sessualmente trascurata, invece, si percepisce immediatamente brutta, sfiorita, depressa.

Ma davvero gli uomini hanno più bisogno di sesso delle donne? Un altro mito da sfatare

valeria randone*

Queste affermazioni, unitamente a tante altre, rappresentano gli stereotipi di genere che affannosamente cercano di raccontare la vita sessuale degli italiani.

L'intimità è un territorio difficile da coltivare e anche da abitare, soprattutto a lungo e con una buona qualità emozionale e sessuale, così può capitare che la sessualità diventi anemica e “poco frequentata”.

Facciamo un po’ di chiarezza
Una vita sessuale stabilmente presente nella vita della coppia ricopre un ruolo determinante per la stabilità della coppia stessa. Fa bene al corpo e al cuore.

La sua assenza denuncia senza dubbio un disagio. Del singolo e della coppia, da investigare coppia per coppia, senza vaghe e inutili generalizzazioni.

La frequenza dei rapporti sessuali, per l’uomo, ha un’azione protettiva contro il tumore della prostata, mentre protegge entrambi i partner dalla deflessione del tono dell’umore. Tra i miracoli da buona intimità, la frequenza dei rapporti sessuali - sempre correlata con una buona qualità - tiene a bada il rischio tradimenti.

Fingere il piacere: pudore, educazione o disagio? La soluzione c’è: parlarne

valeria randone*

Scalda l’intimità e concima la qualità della vita sentimentale-relazionale con elementi sensoriali e intimi, il cui beneficio agisce come un farmaco a lento rilascio: a lungo e sempre.

Quando parliamo di sessualità, sana e meno sana, frequente o latitante, siamo obbligati ad analizzare tre istanze, tutte interconnesse tra di loro. Corpo, psiche e coppia.

L’inscindibilità tra mente, corpo e coppia va considerata come un'unica unità somato-psichica.

Dinamiche di coppia e longevità della vita sessuale
Quando una coppia diventa coppia viene rapita dalla magia dell’incontro. Dalla passione travolgente e dall’affascinante cammino verso il mondo dell’altro, lastricato di mistero e cardiopalmo, di sorprese e labbra nelle labbra, di parole che abbracciano e di occhi che corteggiano.

La sessualità femminile dopo malattie o interventi: i consigli per continuare ad amarsi

valeria randone*

Il coinvolgimento che ne deriva scalda i sensi, e i sensi scaldano l’amore. La vera complessità della vita sessuale, invece, è la sua longevità “dentro” la coppia.

Abitare sin da subito i sogni erotici del partner non è complesso, diventa difficoltoso continuare a farne parte a lungo tempo. Questa è la vera sfida per la coppia che ha voglia di difendere la propria intimità erotica e prolungarla nel tempo.

Quando i rapporti sessuali diventano tiepidi, obbligati e obbligatori, nonché sporadici, la coppia dovrebbe iniziare a porsi più d’una domanda. Un rapporto sessuale al giorno o al mese è attuabile soltanto se ci sono le condizioni affinché questo avvenga.

L’erotismo interrotto dal telefono che squilla: come fare a recuperare il momento di passione

valeria randone*

Le condizioni sono biologiche, fisiologiche, ma indubbiamente psicologiche e relazionali. Il tutto strettamente connesso alle ansie e paure, ai meccanismi di difesa della psiche di entrambi i protagonisti della coppia.

L’incontro tra due individui non è sempre lineare e semplice, ma è il frutto di tanti tasselli come le loro rispettive fantasie e fragilità, due inconsci e due apprendimenti sessuali, e tanto altro.

Questi elementi rappresentano il bagaglio esperenziale che i partner portano dentro la loro coppia, con il quale dovranno confrontarsi tutti i giorni della loro vita insieme.

Il piacere sessuale è sicuramente spia di un benessere globale che avvolge il singolo e la sua la coppia, la sua assenza denuncia possibili problematiche psico-fisiche e relazionali; talvolta ignorate e trascurate, spesso negate.

Che succede quando un figlio non arriva e la “colpa” è di lui e non di lei

valeria randone

Il desiderio sessuale, il motore di ogni iniziativa sessuale, si nutre di più ingredienti: dall’amore alla cura, dal gioco alla trasgressione. Tutti assolutamente indispensabili. Quando la sessualità diventa insipida e monocorde perde di fascinazione, con una ricaduta a cascata sulla quantità dei rapporti sessuali.

Molte coppie lamentano astenia sessuale, noia, scarsa empatia con una conseguente drastica deflessione del desiderio sessuale, ma non fanno nulla per arrestare questa pericolosissima slavina relazionale.

Eros e odori. Quando l’amore è acceso, oppure bloccato dalle sensazioni olfattive

VALERIA RANDONE

Il giardino dell'eros che non viene coltivato sfiorisce rapidamente. L’antidoto alla noia

La coppia, spesso, non si sa bene per quale motivo, a un certo punto del loro cammino coniugale si smarrisce e smette di desiderarsi. Il desiderio deraglia, si arresta, abbraccia altri talami, diventa solitario e consolatorio, viene sostituito dall’iper lavoro, dal cibo, dai figli.

Il territorio del mancato incontro tra anima, corpo e coppia genera il drammatico silenzio dei sensi, che sfocia in un pensionamento anticipato del desiderio sessuale. Tutto questo può essere senza dubbio arginato e arrestato, ma prima va assolutamente riconosciuto. Prima che sia troppo tardi.

"Il corteggiamento è il profumo dell'amore, la gelosia aiuta a recintare il rapporto di coppia"

La prima tappa è porre una scrupolosa diagnosi clinica. Stabilire se si tratta di una problematica organica di uno dei due partner o di entrambi, di un disagio psichico o relazionale; se la deflessione della quantità correla con una scadente qualità, se sono presenti pregresse disfunzioni sessuali in uno dei due o in entrambi i partner che hanno lavorato in sordina; se trattasi di noia, di mancanza di cura del legame d’amore; se sono presenti degli amanti.

Fatto ciò si stabilirà come poterli aiutare davvero. Quando la coppia, invece, sopravvive all'usura del tempo e del quotidiano, quando inventa e si reinventa, la sessualità si veste di magia. Diventa un luogo indistinto di anima e sensi, in cui l'emozione si fonde con la trasgressione.

*Valeria Randone è psicologo e sessuologo clinico a Catania e Roma www.valeriarandone.it